Image Image Image Image Image
Scroll to Top

To Top

25

ago
2015

In Pensieri in libertà

LEI NON SA CHI SONO IO….

Basta con gli extra comunitari? A dare retta a certa gente, dovremmo rinunciare a 56 milioni di turisti.

On 25, ago 2015 | No Comments | In Pensieri in libertà | By aldo

Turista statunitense: extra-comunitario

Turista cinese: extra-comunitario

Turista russo: extra-comunitario

Turista svizzero: extra-comunitario

Turista giapponese: extra-comunitario

 

Queste 5 tipologie di turisti (cittadini extra-comunitari) da sole, nel 2013, hanno permesso al nostro comparto turistico di fatturare 56 milioni di pernottamenti in strutture ricettive/alberghiere del nostro paese (dati Symbola-Unioncamere). Ripeto: 56 milioni di pernottamenti di soli cittadini-turisti extracomunitari. Una cifra astronomica se si considera che qualcuno sta facendo allarme sociale per qualche migliaio di profughi  che sbarca in Italia.

La parola extra-comunitario significa persona che risiede in un paese al di fuori dell’Unione Europea, non significa clandestino, delinquente, portatore di malattie infettive, jihadista, sporco negro, mangiatore di banane, eccetera. Quindi, per favore, smettetela di usare questo termine in versione offensiva, perchè poi, magari, qualche americano (o giapponese o russo) si incazza e in Italia non ci viene più.

Per quanto riguarda invece quei extracomunitari che non sono turisti e che da anni starebbero “invadendo” il nostro Paese alla ricerca di un posto di lavoro, di un titolo di studio, di tranquillità e di una casa, ricordo ai benpensanti miei concittadini (sigh!) che senza questi immigrati (più o meno clandestini non importa) i “nostri” campi agricoli e i “nostri” cantieri edili sarebbero praticamente deserti per mancanza di manodopera.

Ricordo anche che le nostre strade sarebbero libere dalle prostitute nigeriane con le quali milioni di italici maschi benpensanti (che magari votano Lega Nord o Fratelli d’Italia) vanno sovente a trastullarsi.

E’ la domanda che crea l’offerta. Almeno così ci dicevano a scuola.

<< indietro