Image Image Image Image Image
Scroll to Top

To Top

27

gen
2016

In Pensieri in libertà

Oggi è il Giorno della Memoria

Giusto per non dimenticare che anche alcuni italiani ci hanno messo del proprio.....

On 27, gen 2016 | No Comments | In Pensieri in libertà | By aldo

Il Giorno della Memoria è una ricorrenza internazionale celebrata il 27 gennaio di ogni anno come giornata in commemorazione delle vittime dell’Olocausto. È stato così designato dalla risoluzione 60/7 dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite del 1º novembre 2005, durante la 42ª riunione plenaria

Si è stabilito di celebrare il Giorno della Memoria ogni 27 gennaio perché in quel giorno del 1945 le truppe dell’Armata Rossa, impegnate nella grande offensiva oltre la Vistola in direzione della Germania, liberarono il campo di concentramento di Auschwitz.

Ma non è stato solo un problema della Germania nazista. Anche in Italia esistevano diversi campi di internamento, prima dello sbarco degli alleati:

 

  • 1) Campo di internamento di Agnone (Campobasso, Molise), presso il convento di S. Bernardino da Siena.
  • 2) Campo di internamento di Alberobello (Bari, Puglia)
  • 3) Campo di concentramento di Arbe (Fiume, Dalmazia) (giugno 1942 – settembre 1943)
  • 4) Ateleta (L’Aquila, Abruzzo)
  • 5) Campo di internamento di Bagno a Ripoli (Firenze, Toscana), presso Villa La Selva (luglio 1940 – settembre 1943)
  • 6) Campo di internamento di Campagna (Salerno, Campania) (giugno 1942 – settembre 1943)
  • 7) Capannori (Lucca, Toscana)
  • 8) Carana (Cosenza, Calabria)
  • 9) Campo di internamento di Casoli (Chieti, Abruzzo)
  • 10) Campo di internamento di Chieti (Abruzzo)
  • 11) Campo di internamento di Civitella in Val di Chiana (Arezzo, Toscana), presso Villa Oliveto
  • 12) Campo di internamento di Corropoli (Teramo, Abruzzo), presso Badia Celestina.
  • 13) Campo di internamento di Ferramonti di Tarsia (Cosenza, Calabria) (giugno 1940 – settembre 1943)
  • 14) Campo di internamento di Gioia del Colle (Bari, Puglia)
  • 15) Campo di internamento di Isernia (Campobasso, Molise)
  • 16) Campo di internamento di Isola del Gran Sasso (Teramo, Abruzzo)
  • 17) Campo di internamento di Lama dei Peligni (Chieti, Abruzzo), presso un edificio nel centro del paese (luglio 1940 – settembre 1943)
  • 18) Campo di internamento di Lanciano (Chieti, Abruzzo)
  • 19) Campo di internamento di Manfredonia (Foggia, Puglia), presso il Macello Comunale (giugno 1940 – settembre 1943)
  • 20) Marsiconuovo (Potenza, Basilicata)
  • 21) Campo di internamento di Montechiarugolo (Parma, Emilia-Romagna)
  • 22) Montefiascone (Viterbo, Lazio)
  • 23) Campo di internamento di Nereto (Teramo, Abruzzo)
  • 24) Campo di internamento di Notaresco (Teramo, Abruzzo)
  • 25) Osimo
  • 26) Campo di internamento di Scipione (Parma, Emilia-Romagna)
  • 27) Sforzacosta (Macerata, Marche)
  • 28) Terranova di Polino (Potenza, Basilicata)
  • 29) Campo di internamento di Tortoreto (Teramo, Abruzzo), presso l’attuale Municipio di Tortoreto e una villa a Tortoreto Stazione, ora Alba Adriatica (luglio 1940 – settembre 1943)
  • 30) Campo di internamento di Tossicia (Teramo, Abruzzo)
  • 31) Campo di internamento delle Tremiti (Foggia, Puglia)
  • 32) Tuscania (Viterbo, Lazio)
  • 33) Campo di internamento di Urbisaglia (Macerata, Marche) (giugno 1940 – ottobre 1943)
  • 34) Valentano (Viterbo, Lazio)
  • 35)Treviso (Veneto)
  • 36) campo di internamento di Vasto Marina ( Chieti, Abruzzo)

(fonte: wikipedia)

Poi con la formazione della Repubblica di Salò, ci furono quest’altri (istituiti dall’autorità tedesca):

Il Campo di transito di Fossoli
Il Campo di transito di Bolzano, operativo da maggio 1944 a maggio 1945
La Risiera di San Sabba (Trieste)
Il Campo di concentramento di Borgo San Dalmazzo (Cuneo), operativo da settembre 1943 a febbraio 1944.

(fonte: Focus)

 Giusto per non dimenticare….

<< indietro