Image Image Image Image Image
Scroll to Top

To Top

08

mag
2013

In Le mie pubblicazioni

La Francia lancia la sfida per l’energia marina rinnovabile

On 08, mag 2013 | No Comments | In Le mie pubblicazioni | By aldo

Com’è noto la Francia è una nazione leader mondiale nello sviluppo e nella ricerca nel campo dell’energia idroelettrica da forza mareomotrice, cioè nella capacità di sfruttare il movimento delle correnti oceaniche, delle onde e delle maree per produrre elettricità da una fonte rinnovabile al 100%.  Fino a 20 GW sono le  stime della capacità di produzione francese di energia marina entro il 2030 (l’equivalente di circa 15 centrali nucleari).

La Francia ha infatti diversi punti di forza in questo settore: è il secondo “spazio marittimo” mondiale (dopo gli Stati Uniti) e la seconda “piscina di marea” in Europa (dietro il Regno Unito), può vantare la presenza di operatori industriali globali con una seria esperienza nel settore idraulico o marittimo (Dcns, Stx Europe, Alstom), nonché esperti scientifici e industriali del settore energetico e marittimo (Ifremer, Cnrs, Cea, Accademia Navale, Ifp Energies Nouvelles, ecc.)

A proposito delle maree, progetti sono stati sviluppati Raz Blanchard (Basse-Normandie) e Fromveur (Mare del Nord Manica, in Bretagna). Il ministro dell’Ecologia Delphine Batho ha presentato le «prime misure concrete per accelerare lo sviluppo dell’energia marina» e un invito a manifestare interesse è stato lanciato il mese scorso per realizzare 5 nuovi impianti , di cui 2 già quest’anno: uno a Bordeaux (Aquitania) per lo sfruttamento delle maree ed uno a Croisic (Loire) per lo sfruttamento del moto ondoso.

Se la Francia ha molti vantaggi per lo sviluppo di questo settore, tuttavia, gli attori devono organizzare la loro cooperazione. Una delle condizioni per il continuo sviluppo delle energie rinnovabili marine (Emr), secondo un rapporto del governo, è il dispiegamento di aziende pilota che forniscono l’adeguata visibilità e il feedback prima di un impegno su una scala più grande. E’ questa, in breve, la conclusione a cui sono giunti il Consiglio Generale per l’Ambiente e lo Sviluppo Sostenibile (Cgedd) e il Consiglio Generale dell’Economia, dell’Industria, dell’Energia e della Tecnologia (Cgeiet) nella relazione della missione di studio delle energie rinnovabili marine pubblicata lunedì 6 maggio.

Il sostegno pubblico sembra essenziale per sostenere i primi passi di queste tecnologie. La difficoltà è legata però all’istituzione di un prezzo di acquisto indicato per queste fonti. «In questa fase di riflessione sulle scelte di sostegno finanziario per l’energia marina rinnovabile, un mix di diversi strumenti sembra essere uno dei modi preferiti per promuovere la crescita di queste tecnologie emergenti, farne avanzare la missione. Ciò contribuirà ad adeguare il costo complessivo del progetto, anche se più del 50% di finanziamento pubblico è difficile», recita il rapporto. Poiché le tecnologie Emr sono nelle prime fasi di sviluppo, i costi stimati sono in larga misura basati ancora su valutazioni teoriche.

Secondo gli industriali, intervistati durante la preparazione del rapporto, bisognerebbe partire, come punto di riferimento, dal sostegno fornito dal governo del Regno Unito a favore di aziende pilota, pari ad un acquisto di 320 € / MWh di energia elettrica prodotta da questi impianti, fino al 2017 compreso. «Dopo la delusione del fotovoltaico, per il quale il sostegno pubblico ha contribuito notevolmente al deficit della bilancia commerciale (a seguito di importazione di tecnologia straniera), non ha senso considerare il sostegno di un settore senza considerarne il ritorno industriale in termini di posti di lavoro nel paese», afferma il rapporto.

Un’altra chiave per lo sviluppo di queste fonti è  la creazione di un Comitato Energia Marina di indirizzo, a cui dovrebbero partecipare gli attori del settore, il governo, l’Ademe (Agenzia ambientale ed energetica nazionale), il Commissario Generale di investimento (Cgi), la rete di trasmissione di energia elettrica (RTE), l’Associazione Energie Rinnovabili (Ser), i grandi operatori industriali francesi. Servirebbe a garantire la coerenza e la sostenibilità della strategia nazionale. La Segreteria Generale del Mare, in collaborazione con la Conferenza Nazionale dell’Industria, potrebbe essere la sede di questo organismo di coordinamento.

La relazione raccomanda infine l’istituzione di uno sportello unico per contenere e monitorare i promotori, al fine di ridurre il tempo delle procedure e delle richieste di autorizzazione (semplificazione delle procedure) e  ritiene necessaria la messa in comune delle informazioni scientifiche e tecniche, nonché la mobilitazione di istituzioni scientifiche.

Su questo tema, l’organizzazione “Francia Natura Ambiente” richiede vigilanza in una dichiarazione: «Se lo sviluppo di Emr è auspicabile, non dovrebbe essere a scapito della tutela degli ecosistemi e della biodiversità.  La scelta del luogo deve preservare meglio gli habitat e le specie. Gli studi di impatto devono essere condotti in modo serio e trasparente, e le misure compensative devono essere attuate quando gli impatti sono negativi».

Aldo Ferretti

http://www.greenreport.it/_archivio2011/index.php?page=default&id=21824&lang=it

<< indietro